CANTI e MAGIE – Palacongressi Stresa 23 agosto 2017

CANTI e MAGIE – Palacongressi Stresa 23 agosto 2017

Sia chi fa che chi  cerca di trasmettere cultura ha un compito sempre meno facile: i gusti del pubblico sono diversi e variegati ed ognuno si attende che venga proposto quello che ci si aspetta, non altro! Inoltre cultura significa anche innovare, far crescere attraverso nuove conoscenze, ma la pigrizia, ancor più accentuatasi con l’utilizzo approssimativo delle nuove tecnologie, rallenta la voglia di mettersi in gioco per conoscere, scoprire, crescere! Un plauso a chi osa!

CANTI E MAGIE –Stresa Festival 2017

Palazzo dei Congressi 23 agosto

Artisti

Alda Caiello, soprano
Valter Malosti, voce recitante
Sanpapié, dance and physical theatre
Stresa Festival Ensemble
Duncan Ward, direttore

Concerto di apertura

Programma

  1. DE FALLA, Sette canzoni popolari spagnole (trascrizione Roberto Vetrano)
    L. BERIO, Folksongs
    I. STRAVINSKIJ, Histoire du soldat *
    * Una produzione Sanpapié su commissione Stresa Festival

Una produzione Sanpapié su commissione Stresa Festival

Voce recitante Valter Malosti
In scena Giuseppe BrancaccioSofia Casprini, Luciano Nuzzolese, Martina MonacoSaverio BariTony Contartese
Assistenza alla regia Carla Cafiero con la collaborazione di Federica Bastoni
Assistenza alla coregrafia Martina Monaco
Produzione Fabio Ferretti
Sound design Marcello Gori
Light design Marcello Marchi
Costumi Maddalena Oriani
Scenografia Cecilia Sacchi 
Regia e Coreografia Lara Guidetti
Con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Settore Spettacolo

Inconsueta inaugurazione festivaliera, che al posto delle abituali grandi orchestre vede una piccola formazione musicale per una proposta di canti popolari e racconti fiabeschi, che trasportano in un mondo magico.

Il giovane e brillante direttore Duncan Ward dirige con consapevolezza e divertita partecipazione, sempre con il sorriso sulle labbra e con grande attenzione. Le 7 canzoni popolari di De Falla, trascritte da Roberto Vetrano, seppur interpretate con sentimento e buona tecnica dal soprano Alda Caiello, non hanno mantenuto il sapore spagnolo originale, se non a sprazzi. Più interessanti le Folk Songs di Berio che hanno idealmente attraversato il continente e raggiunto il pubblico festivaliero con vivacità e brillantezza vocale.

La seconda parte del concerto prevede l’Histoire du soldat di Igor Strawinsij proposto dalla frizzante compagnia Sanpapié. Per l’occasione la regista e coreografa Lara Guidetti , con un lungo e minuzioso lavoro di studio e ricerca, ha  ricoreografato tutta l’opera, anche nelle parte abitualmente non danzate o attorialmente interpretate. Il testo è affidato alle voci di Valter Malosti, Tony Contartese e Saverio Bari ed i personaggi sono duplicati con la scissione tra parola e corpo, favorendo una narrazione chiara e fedele alla drammaturgia originale. Le scene ispirate al cubismo di Picasso o al surrealismo di De Chirico sono fatte di pochi elementi, trovando nell’essenzialità la fluidità narrativa. Bella realizzazione e bravi i danzatori e le voci.

La musica vince sempre

Renzo Bellardone

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.