TURANDOT – Teatro Coccia Novara – 8 febbraio 2015

TURANDOT – Teatro Coccia Novara – 8 febbraio 2015

TURANDOT – Teatro Coccia Novara – 8 febbraio 2015

Turandot                   Maria Billeri

Altoum                       Nicola Pisaniello

Timur                         Elia Todisco

Calaf                           Walter Fraccaro

Liù                              Francesca Sassu

Ping                           Bruno Praticò

Pang                          Saverio Pugliese

Pong                          Matteo Falcier

Un Mandarino       Daniele Cusari

Il Principe di Persia    Vladimir Reutov

 

Direttore                   Matteo Belatrali

Regia                         Mercedes Martini

Scene e luci              Angelo Linzalata

Costumi                    Elena Bianchini

Orchestra Filarmonica Pucciniana

Coro San Gregorio Magno

Nuovo Allestimento – Produzione Fondazione Teatro Coccia 

Tra enigmi e acuti, alla fine trionfa l’amore! 

Le buone proposte del Teatro Coccia continuano con il nuovo allestimento di Turandot. Alla sua prima regia d’opera Mercedes Martini si  è ispirata al classico con simbolismi quali: il colore rosso che ha fatto capolino qua e là fino all’esplosione finale ad evidenziare l’amore o il fare e disfare di omerica memoria a sottolineare l’indecisione dell’algida principessa. La scenografia è di Angelo Linzalata che ha firmato anche il più interessante disegno delle luci.

I costumi di Elena Bianchini hanno avuto generalmente la connotazione della  mono tonalità che ha esaltato i colori più accesi e che ben hanno risaltato sotto i tagli di luce sempre azzeccati. 

L’Orchestra Filarmonica Pucciniana ben conosce gli spartiti del Maestro di Torre del Lago e sotto la vivace direzione del giovane Matteo Beltrami ne ha esaltato le sfumature ed i ritmi. Il maestro ha seguito coscienziosamente  ogni dettaglio con vibrante bacchetta. 

L’opera ha avuto  inizio con il canto del mandarino interpretato da  Daniele Cusari il quale ha sfoggiato voce profonda e decisa per  lasciare poi  spazio alla scultorea apparizione di Vladimir Reutov, recentemente già apprezzato al Coccia nel ‘Canto dell’amor tronfante’ e qui  nei panni del Principe di Persia.

Valter Fraccaro (Principe Calaf) e Francesca Sassu (Liù) – Foto di Mario Finotti

Il re tartaro Timur trova nel basso Elia Todisco una toccante interpretazione grazie alla profondità armoniosa della voce che ben si affianca a quella di Liù, interpretata da Francesca Sassu con passione e vividi colori cangianti; la giovane interprete tiene agevolmente il ruolo con gradevolezza e commozione.

Valter Fraccaro- Principe Calaf - Foto di Mario Finotti

Valter Fraccaro- Principe Calaf – Foto di Mario Finotti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Walter Fraccaro, con acuti fermi e convincenti, ha interpretato il principe ignoto Calaf, cui ha infuso il trepidante amore e la fermezza dell’azione.

L’anziano Altoum ha avuto Nicola Pisaniello quale regale interprete. 

Saverio Pugliese(Pang), Bruno Praticò (Ping), Matteo Falcier (Pong) - foto di Mario Finotti

Saverio Pugliese(Pang), Bruno Praticò (Ping), Matteo Falcier (Pong) – foto di Mario Finotti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I tre ministri che rimpiangono le casette di campagna: Pang il simpatico tenore Saverio Pugliese ha brillantemente tenuto il palco grazie alla limpida voce ed all’efficace attorialità; Pong è stato interpretato dal bravo Matteo Falcier con buon fraseggio e limpidezza espressiva; una nota particolare va riservata al Gran Cancelliere Ping ironicamente interpretato da Bruno Praticò tra un lavorare la maglia ai ferri, una pesca fortunata, ed un giocoso spruzzarsi tra Pang e Pong. Praticò ha scritto un tratto di cammino per i ruoli buffi nell’opera dei nostri giorni e resta  tutt’oggi un faro ispiratore per molti cantanti. 

MariaBilleriFotoMainino

MariaBilleri (Turandot) Foto di Mario Mainino

 

 

Maria Billeri, superba Turandot, ha espresso colori limpidi e scintillanti con rabbia, sdegno e finalmente gioia. Conosce bene l’impervio  ruolo che ha saputo rendere con efficace espressività.

 Opera ben realizzata grazie anche alla bravura delle altre interpreti, Laura Pollice e Maria Grazia Nobili  e dell’ottimo  Coro San Gregorio Magno  diretto da Mauro Rolfi, oltre alla Voci bianche del’accademia Langhi.

 La Musica vince sempre 

Renzo Bellardone  

Renzo Bellardone con il soprano Maria Billeri e lo scenografo Demian Palvetti

Renzo Bellardone con il soprano Maria Billeri e lo scenografo Demian Palvetti

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.