Beethoven – La maturità

Beethoven – La maturità

Stresa Festival – 30 agosto 2020

La difficoltà per un festival importante è trovare sempre artisti  eccezionali, che mantengano alto il livello della proposta. Lo Stresa Festival ha la fortuna di avere quale direttore artistico ed ormai da diciannove anni il maestro Gianandrea Noseda che ha una spiccata sensibilità nell’individuare talenti strepitosi, che incontra durante il suo girovagare musicale per il mondo.

Beethoven – La maturità

Stresa Festival – 30 agosto 2020

Seong-Jin Cho, pianoforte
Philharmonia Zürich
Gianandrea Noseda
, direttore

 

L.V. BEETHOVEN, Concerto per pianoforte e orchestra n. 4 op. 58
F. SCHUBERT, Sinfonia n. 5 D. 485

Questo concerto rientra nell’area tematica Beethoven 2.0

Nel buio della sala e nel totale silenzio dell’attesa, rintoccano tre note dal pianoforte, sommesso, ma  subito dialogante con i violini e poi con l’intera orchestra  e poi trilli scintillanti incorniciati dai colori dell’insieme, che presto danno corpo al meraviglioso monumentale capolavoro di Beethoven.

Nel secondo tempo si passa dal classicismo beethoveniano al romanticismo di Schubert che sfocia in liricità sorridente e gioiosa. Movimenti energici con attacchi quasi operistici si alternano ad abbozzi di danza.

Seong-Jin Cho, al pianoforte  è balzato all’attenzione del  panorama musicale internazionale nel 2015, vincendo il primo premio al Concorso Chopin di Varsavia. Nel concerto n. 4 di Beethoven si evidenzia un notevole talento, impreziosito da un naturale approccio alla musica che lo porta ad interpretare virtuosisticamente senza però mai perdere di vista l’equilibrata lettura. Oramai affermato giovane e talentuoso pianista ha suonato con i nomi e nei luoghi più importanti che il mondo ha dedicato alla musica dal vivo.

 

Gianandrea Noseda, alla direzione della Philharmonia Zürich, è a suo agio come sempre i grandi sanno spontaneamente fare. Il bel gesto ampio e la partecipazione quasi carnale all’esecuzione lo caratterizzano ed anche in questa direzione coinvolta e passionale,  ariosa e simbiotica con orchestra e pianoforte solista, è un piacere poter assistere ad un amalgama così prezioso. Dopo aver letteralmente ipnotizzato la sala con il programma in cartellone, per il bis, a totale sorpresa lancia l’ouverture di Traviata e le celebri note di ‘Amami Alfredo’ invadono la sala che si commuove, come si è commosso alla direzione anche il sensibile Gianadrea Noseda.

 

La Musica vince sempre.

Renzo Bellardone

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.