STRESA FESTIVAL 2013 – Serata inaugurale

STRESA FESTIVAL 2013 – Serata inaugurale

STRESA FESTIVAL 2013

 

Stresa – Palazzo dei Congressi, 24 agosto

 

Fazil Say, pianoforte
Gstaad Festival Orchestra
Neeme Järvi, direttore

 

B. Smetana, La Moldava
F. Say, Water 
B. Britten, da Peter Grimes: Four Sea Interludes
C. Debussy, La Mer

neeme

 

 

 

 

 

 

 

LA SORPRESA…CHE SORPRENDE !!!!

 

Ebbene si, la maggior parte del pubblico è stata sorpresa dall’interpretazione del programma in cartellone per la serata inaugurale dello Stresa Festival 2013.

I giovani musicisti dell’orchestra diretti con garbo ed eleganza da Neeme Järvi   jarvi n hanno offerto una ottima prestazione, risultato dell’esperienza del direttore addizionata all’entusiasmo giovanile degli orchestrali.

 

Con i delicati flauti ed il pizzicato dei violini si apre con La Moldava di Smetana che senza trionfalità e ridondanza rimanda agli inni con grande liricità.

 

Il filo conduttore della serata è l’acqua che con Fazil Say si sente e percepisce ora saltellante, ora a cascata ed ora impetuosa attraverso sonorità particolari ottenute con le corde del pianoforte trattenute, tra voci ed echi lontani: la civetta, i gabbiani, lo sciabordio del mare in un clima di forte attesa;   fazil  Fazil Say quale compositore ha fatto ricordare i menestrelli di un tempo, con racconti scritti con la struttura musicale contemporanea ed interpretati poi con eclettiche improvvisazioni e bravure quali un bellissimo trillo al melodico.

 

Con Britten la tragedia aleggia nell’aria e l’orchestra ben sa creare l’atmosfera cupa e tragica della narrazione, tra flutti impetuosi e risacche impietose.

 

Con Debussy ancora una volta si assapora il moderno che incalza, tavolta tormentato senza la promessa dell’estasi.

 

La musica vince sempre.

Renzo Bellardone

   

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.