STRESA FESTIVAL 2013 – Verdi e Rossini

STRESA FESTIVAL 2013 – Verdi e Rossini

STRESA -PALA CONGRESSI        01. settembre 

Rossini e Verdi 

Maria Agresta     –    soprano

Angela Brower    –    mezzosoprano

Gregory Kunde   –    tenore

Mirco Palazzi      –    basso

Coro del Teatro Regio di Torino

Caludio Fenoglio –    direttore

Orchestra del Teatro Regio di Torino

Gianandrea Noseda – direttore

Giuseppe Verdi – quartetto per archi in mi minore

Gioacchino Rossini – Stabat Mater

 regio + coro + noseda

Proposta non convenzionale quella dello Stresa Festival 2013 ed abbinamento infrequente.

Due operisti che vengono proposti in versione sinfonica l’uno e con scrittura sacra l’altro; la proposta in programma sostituisce l’Opera, quest’anno assente dal cartellone festivaliero, ma che viene ampiamente compensata dalla liricità dell’offerta. 

Inutile dilungarsi sull’ispirazione sinfonica di Verdi, che fa rimpiangere l’assenza di altre partiture analoghe e sull’ispirazione sacra di un Rossini ben più conosciuto come gaudente che non come ispirato dalla sacralità.

 La direzione dell’orchestra del Teatro Regio, di ottimo livello sotto ogni punto di vista, è stata diretta da Gianandrea Noseda       con il ben conosciuto piglio enfatico che in summa con l’attenzione ad ogni minimo particolare riesce a costruire una offerta musicale che a tutto diritto ha conteggiato lunghi e calorosi applausi: decisamente piacevole ed intrigante l’orchestrazione del quartetto verdiano.

Il Coro del Regio sempre di ottimo livello dotto la  direzione di Claudio Fenoglio, risulta puntuale e coinvolgente. 

Le Voci? Sicuramente adatte al ruolo: Maria Agresta valida nei vari registri e significativa nell’espressione; Angela Brower avvolgente con toni lievemente ambrati; Gregory Kunde con bei colori ed accenti di gran morbidezza;

Mirco Palazzi decisamente determinante con il bel timbro scuro e suadente. 

Insomma una serata da ricordare! 

http://www.youtube.com/watch?v=kOlf6ARALhI&feature=youtu.be

La musica vince sempre.

Renzo Bellardone 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.