Teatro della Zarzuela -Madrid – ANNA CATERINA ANTONACCI

Teatro della Zarzuela -Madrid – ANNA CATERINA ANTONACCI
  Con un recital del soprano Anna Caterina Antonacci ha avuto inizio la ventunesima edizione del Ciclo di Lied che si segue con tanto interesse a Madrid e che si presenta nel Teatro della Zarzuela, luogo che per le sue dimensione è uno spazio ideale per questo tipo di proposte. Star seduti in poltrona a presenziare a questo evento, e star davanti ad una artista in tutto il senso della parola, crea una esperienza musical-teatrale, dato che non solo canta con gusto, ma vive, sente e trasmette con senso e istrionismo ogni parola e frase che emette. L’Antonacci è una artista capace di combinare differenti stili di musica in diverse lingue con grande facilità e con un alto livello interpretativo, e così ha brillato dall’inizio alla fine della serata. Ma soprattutto, l’Antonacci è capace di entusiasmare, commuovere e sedurre chi le sta davanti. Nella prima parte del programma, scelto minuziosamente, ha presentato il Lamento di Arianna di Carl Orff, opera in stile monteverdiano, che ha maneggiato con precisione, e che è stato seguito da un ciclo di sette canzoni di Ottorino Respighi, piccole opere cariche di una certa aria mediterranea e canto popolare, che ha trasmesso con eleganza e dizione impeccabile, raggiungendo il punto più sublime in brani come Stornellatrice o Pioggia. Il terzo blocco concludeva con le 4 Canzoni d’Amaranta di Francesco Paolo Tosti, infuse di grande senso poetico. La sua brunita, brillante, estesa ed omogenea tonalità vocale non ha smesso di brillare in ogni momento. Nella seconda parte del concerto ha dotato di sensualità il suo canto e la sua espressione cantando in francese, lingua che si adatta bene al suo temperamento e che si imprimeva in Le Fraîcheur et Le Feu di Francis Poulenc, sette brevi e semplici Mélodies y Chansons che ha caricato di grazia e intenzione. Di Maurice Ravel ha regalato 5 Mélodies Populaires Grecques e dello stesso autore ha cantato con sentimento e in yiddish, 2 Melodias Hebraicas. Al fine ha concluso il suo recital con le Siete canciones populares españolas  di Manuel de Falla, nelle quali ha mostrato una dizione e una pronuncia castellana sorprendente, e ha saputo ornamentale adeguatamente. Qui risaltava il suo indimenticabile Paño moruno la magia della sua Nana e il profumo del canto jonde (flamenco) in Polo. L’accompagnamento al pianoforte di Donald Sulzen, che è stato appropriato, ha mostrato l’intesa esistente tra la tastiera e la voce dell’artista. Ramón...

L’ETOILE di Emmanuel Chabrier – Nederlandse Opera – Amsterdam

L’ETOILE di Emmanuel Chabrier – Nederlandse Opera – Amsterdam
Foto: Marco Borggreve                       L’étoile di Emmanuel Chabrier De Nederlandse Opera, Amsterdam  La principale compagnia d’opera dei Paesi Bassi ha cambiato il suo nome in De Nationale Opera, ma non la sua vocazione di teatro audace e d’avanguardia che propone opere poco conosciute e poco rappresentate, come in questa occasione con L’Etoile, opera buffa di Emmanuel Chabrier (In questa stagione il teatro olandese è stato l’unico a programmarla). La immaginaria e divertente trama nella quale i personaggi nutrono la credenza che il destino sia controllato dalle stelle è stata sfruttata e ben rappresentata scenicamente da Laurent Pelly, un riferimento per il repertorio francese, che ha saputo esaltare con ingegno la comicità e l’umor nero del libretto, così come le sua parti serie e oscure, come quella del perverso Rey Ouf I che realizza esecuzioni pubbliche ad ogni suo compleanno. Pelly trasporta questo mondo fantastico al mondo degli umani, con l’aiuto di scale, labirinti, corridoi che salgono scendono, vicoli ciechi, disegnati da Chantal Thomas; così come i colorati costumi di Jean Jacques Delmotte e dello stesso Pelly, e la raggiante illuminazione con le quali ha creato una piacevole resa teatrale. L’orchestrazione è ricca, spumeggiante, sofisticata e in alcuni momenti raffinata, accompagna la comicità, il sentimentalismo e la malinconia sulla scena. Si è notata la mano sicura e dinamica di Patrick Fournillier, conoscitore del repertorio che ha saputo estrarre il meglio dalla Residentie Orkest di L’Aia, invitata in buca. Un successo, per i dialoghi parlati, è stato di formare un cast di cantanti di lingua francofona capeggiato dal tenore Christophe Mortagne con la sua caratterizzazione del villano comico Rey Ouf I, cantato con sicurezza; e il mezzosoprano Stéphanie d’Oustrac  per il suo eccezionale sviluppo musicale ed  attoriale come Lazulli, personaggio en travesti. Il mezzosoprano Julie Boulianne ha fatto risaltare il ruolo di Aloès, mostrando eleganza nella sua linea vocale e personalità scenica. Simpatico il disimpegno del soprano Hélène Guilmette  come la bella principessa Laoula, di François Piolino, come segretario Tapioca e di  Jérôme Varnier come l’astrologo Siroco. Una menzione per il resto dei cantanti, così come peril solido e partecipativo coro del teatro. Ramon...

GIANADREA NOSEDA – Conductor of the year 2015

GIANADREA NOSEDA – Conductor of the year 2015
al Maestro GIANADREA NOSEDA è stato riconosciuto il titolo di CONDUCTOR OF THE YEAR 2015 MUSICAL  AMERICA AWARDS. Complimenti Maestro e sono particolarmente lieto di evidenziare questo riconoscimento da queste pagine che sovente hanno parlato di lei, cogliendo la grande forza espressiva delle sue direzioni.   Arrivederci a Torino e Stresa e chissà……

nasce il CONSORZIO PAGANINI

nasce il CONSORZIO PAGANINI
Da “Parma today” Novità in vista per il Regio, che pur mantenendo la sua vocazione di lunga data come teatro d’opera, sarà luogo per la progettazione e realizzazione di altre attività culturali. Inoltre le Fondazioni Teatro Regio e Arturo Toscanini saranno unite in un’unica realtà, il Consorzio Paganini Teatro Regio e Fondazione Toscanini: dalla loro unione nascerà il Consorzio Paganini La Commissione si è aperta con l’intervento del Presidente pentastellato Andrea De Lorenzi, che ha sottolineato come alcuni consiglieri di minoranza chiedano con urgenza le riunioni e poi non si presentino. Primo punto all’ordine del giorno, il legame tra il Teatro Regio e Aterconsorzio: Luigi Ferrari, amministratore unico di Aterconsorzio e segretario generale della Fondazione Arturo Toscanini, ha spiegato come Aterconsorzio non sia un’agenzia di servizi, ma un’unione delle stesse istituzioni teatrali della Regione Emilia Romagna, messe in comune al fine di gestire assieme alcune necessità di tipo amministrativo. Di questa realtà, il principale teatro cittadino è entrato a fare dal 1 gennaio del 2013. “Non si tratta di un’esternalizzazione dei servizi, ma al contrario di un’internalizzazione – ha dichiarato Ferrari. Aterconsorzio non è un’agenzia esterna. Il meccanismo si basa su una rete informatica che connette tutti e consente alle associazioni culturali di scambiarsi risorse. Ha di fatto consentito al Regio di recuperare dei costi, in particolare per quanto riguarda la gestione dei servizi informatici, della biglietteria e delle buste paga”. Ferrari parla di risparmi concreti, portando ad esempio la questione delle buste paga, un servizio che negli anni scorsi è costato all’incirca 75mila euro l’anno, mentre con Aterconsorzio 56mila. Per quanto riguarda l’informatica, essa veniva gestita da It.city, a costi superiori rispetto ai 20mila euro proposti invece da Aterconsorzio. Su questo punto, non è d’accordo il consigliere Mauro Nuzzo, secondo il quale i risparmi sarebbero solo apparenti, poiché verrebbero compensati da ingenti spese per le consulenze, sempre gestite dal Consorzio. “Non accetto di essere preso in giro – sostiene – il tema dei costi delle consulenze per servizi informatici e amministrativi è emerso solo perché alcuni consiglieri ne hanno chiesto conto, ma non vi è trasparenza da parte dell’Amministrazione comunale. It.city è una società partecipata al 100% dal Comune di Parma, trovo paradossale che ora l’amministratore del Consorzio ne parli male. Mi stupisce molto che una nostra attività venga esclusa dai servizi al Teatro Regio. Sono state tolte entrate ad una realtà che invece sarebbe stata da aiutare”. Nuzzo si rivolge poi direttamente a Pizzarotti, in qualità di Presidente della Fondazione Teatro Regio: “Lei avrebbe dovuto presentare una nuova strategia per il teatro Regio e questo è mancato”. “Sono solo visioni di Nuzzo, il problema è suo perché sta stravolgendo la realtà – controbatte il Sindaco. Riguardo alla questione sul futuro del tempio del melodramma cittadino, l’Assessore alla cultura, Laura Ferraris pone l’accento sulla necessità di dare ampio spazio ad altre attività culturali, oltre alle opere liriche. Il timore di Nuzzo è che il Regio venga declassato al rango di teatro di teatro comunale, ma sia Pizzarotti, sia la Ferraris, cercano di smentirlo accusandolo di tenere un atteggiamento inquisitorio. Come reazione, Nuzzo compie per due volte l’atto di abbandonare la riunione della commissione, difendendosi anche dalle critiche rivoltegli da Marco Vagnozzi, che sostiene la linea del Sindaco e dell’Assessore. Ultimo punto di discussione, la futura fusione delle Fondazioni Teatro Regio e Toscanini nel Consorzio Paganini, prevista per l’inizio dell’anno venturo. Secondo Luigi Ferrari, l’unione si prospetta proficua, dato che le due istituzioni sono molto simili e complementari. Conseguenza della fusione sarà il trasferimento della sede...

a VERCELLI apre il M.A.C. Museo Archeologico della Città

a VERCELLI apre il M.A.C. Museo Archeologico della Città
Il 24 luglio 2014  apre a Vercelli il MAC – Museo archeologico della città. Lo ha annunciato stamane il sindaco Maura Forte affiancata, per l’occasione, dal presidente del Museo Leone, Gianni Mentigazzi e dalla soprintendente ai Beni archeologici del Piemonte Giuseppina Spagnolo. I pezzi esposti, tutti provenienti dal territorio, sono circa 600, datati dal III secolo a.C: al IV d.C. e, tra questi, spiccano senza dubbio la statua di Apollo, rinvenuta nel 1573 e il bicchiere in vetro verde con scolpiti i tre volti, rinvenuto in perfetto stato di conservazione. A Torino restano ancora in custodia alcuni pezzi pregiati, tra cui la celebre “tazza di Ennione”, ma il sindaco non dispera di riuscire a riportarli, almeno temporaneamente, al MAC.Da settembre il museo sarà aperto tutti i pomeriggi della settimana; il sabato e la domenica anche al mattino. Sarà aperto anche da domani fino al 5 agosto, con le stesse modalità appena ricordate.               Notizia ripresa da RADIO CITY la città che...

A.D.A. STAGE ESTIVO 2014

A.D.A. STAGE ESTIVO 2014
da domenica 27 luglio a martedì 5 agosto 2014, nona edizione Stage estivo di Canto, Danza e Scherma antica e Seminario di Country-Dance, 12 e 13 luglio 2014    I corsi si svolgeranno da domenica pom.o 27 luglio a martedì 5 agosto a Pesaro, al Boncio, nel Parco Naturale del Monte S. Bartolo di Pesaro. Il seminario di Country-Dance si svolgerà a Gradara, nel Borgo antico.  PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI INFO@DANZEANTICHE.ORG   I CORSI  CANTO MEDIEVALE-RINASCIMENTALE: vocalità sacra e profana Docente: Giovanni Cantarini, dal 1 al 5 agosto, Pesaro, Liuteria Daniele Canu. CANTO BAROCCO: la retorica degli affetti Docente: Roberto Balconi, dal 2 al 5 agosto, Pesaro, Chiesa della Maddalena. DANZA TARDO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE: danze cortesi del XV e XVI secolo Livello: base/intermedio adulti e bambini Docente: Enrica Sabatini, dal 28 luglio al 1 agosto, Pesaro, Chiesa della Maddalena. DANZA TARDO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE: danze cortesi del XV e XVI secolo Livello: intermedio adulti, intermedio/avanzato adulti e perfezionamento avanzato adulti Docenti: Bruna Gondoni e Marco Bendoni, dal 27 luglio al 1 agosto, Pesaro, Chiesa della Maddalena. COUNTRY-DANCE: Seminario di livello misto Docente: Lucio Paolo Testi, Gradara, dal 12 al 13 luglio. DANZA BAROCCA: danze teatrali del XVII e XVIII secolo Livello base-intermedio e intermedio-avanzato Docente: Letizia Dradi, dal 2 al 5 agosto, Pesaro, Chiesa della Maddalena. DALL’ANCIEN RÉGIME ALL’EPOCA BORGHESE: danze al tempo di Gioachino Rossini Docente: Letizia Dradi, dal 2 al 5 agosto, Pesaro, Chiesa della Maddalena. Per gli appassionati di Rossini segnaliamo il R.O.F. Rossini Opera Festival che si svolgerà a Pesaro nei giorni successivi, http://www.rossinioperafestival.it DANZA CLASSICA: linee di sviluppo Docenti: Giuseppe Conte e Anna Olkhovaya, dal 31 luglio al 5 agosto, Boncio (PU). TECNICHE ENERGETICHE, MEDITAZIONE IN MOVIMENTO E RILASSAMENTO Docente: Marco Bendoni, dal 27 luglio al 1 agosto, Boncio (PU). SCHERMA ANTICA: scuola bolognese del XVI sec. in collaborazione con l’Accademia delle lance spezzate di Ferrara, Livello base e intermedio. Docente: Marco Chiozzi, dal 29 luglio al 1 agosto a Pesaro, Cortile interno di Palazzo Gradari.    Un gruppo di appassionati della danza e della musica antica ha dato vita all’Associazione Culturale A.D.A. ‘Associazione Danze Antiche’, allo scopo di valorizzare, promuovere e diffondere la conoscenza dell’arte e della cultura italiana dal 1300 al 1800, attraverso principalmente la danza, la musica e il canto.
 A.D.A. si propone inoltre di approfondire e riattualizzare, attraverso un lavoro di ricerca altamente qualificato, di seminari e stage, le danze dimenticate delle epoche più antiche, progenitrici e significatrici di tutte le danze.
 L’Associazione Danze Antiche desidera offrire l’opportunità di conoscere, attraverso le danze e le musiche, lo spirito, l’arte e la cultura, alcuni dei periodi storici in cui il nostro Paese si è distinto per i contributi artistici ed intellettuali, con particolare predilezione per il Rinascimento, periodo che per la visione a tutto tondo dell’uomo e del suo mondo, molto ha da dire ai nostri giorni. ...