STRESA FESTIVAL 2014

STRESA FESTIVAL  2014
È alle porte una nuova edizione delle Settimane Musicali di Stresa e del Lago Maggiore i cui 24 concerti esclusivi sono ambientati come sempre nelle meravigliose sedi sul Lago Maggiore e nei suoi dintorni. Il 53° Stresa Festival si apre con la terza edizione dei Midsummer Jazz Concerts, mini rassegna jazz in riva al lago, che si svolgerà sul Lungolago La Palazzola nel weekend dal 24 al 27 luglio. Questa splendida porzione di lago stresiana, con la sua natura generosa e le Isole Borromeo a fare da splendida cornice, sarà l’ideale sede open-air per le sei coinvolgenti proposte per gli appassionati di musica improvvisata. L’inaugurazione della rassegna, giovedì 24 luglio alle ore 21.00, è affidata a Stefano Bollani, che ritroverà a Stresa lo straordinario mandolinista brasiliano Hamilton de Holanda. Venerdì 25 luglio (ore 21.00) tornano a Stresa, insieme, due “grandi”: il chitarrista statunitense Al Di Meola e il pianista cubano Gonzalo Rubalcaba. Sabato 26 luglio alle ore 18.30 tre mostri sacri del jazz, David Liebman, Steve Swallow e Adam Nussbaum, riuniti in We Three, precederanno l’esibizione del Joshua Redman Quartet (ore 21). Domenica 27 luglio alle 18.30 tornano, come Duo Soupstar, Giovanni Guidi al pianoforte e Gianluca Petrella al trombone. I Midsummer Jazz Concerts 2014 si concludono infine alle 21 di domenica con l’attesa esibizione della John Scofield Überjam Band. Stresa Festival riprenderà poi dal 19 agosto con il ciclo completo, in due serate, delle Suite per violoncello solo di Bach nello splendido Eremo di Santa Caterina del Sasso a Leggiuno. Protagonista  quest’anno sarà il brillante violoncellista tedesco Johannes Moser. Il corpo centrale andrà in scena dal 22 agosto al 6 settembre: il tema Musica in movimento lancia uno sguardo all’interazione della musica con altre forme di spettacolo oltre che a un’offerta più ampia sotto il profilo delle nuove composizioni. Una proposta che si articola in diversi segmenti che hanno un denominatore comune nella scelta rigorosa di musicisti e formazioni di alta professionalità. Per “movimento” si intende sia quello puramente figurativo, nel nostro caso cinema, teatro e multimedialità, sia quello idealmente legato a una proiezione verso il futuro, identificato in nuove composizioni (appositamente commissionate o in prima assoluta), rielaborazioni originali, musica improvvisata. Il concerto inaugurale della stagione, il numero 1000 nella storia lunga oltre mezzo secolo delle  Settimane Musicali di Stresa, è affidato a Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino, diretti da Gianandrea Noseda, che proporranno una selezione di arie da Guglielmo Tell di Rossini con lo splendido cast vocale internazionale formato dal baritono Luca Salsi, dal tenore John Osborn e dal soprano Angela Meade, oltre alla suite Rossiniana di Respighi. Domenica 31 agosto Christoph Eschenbach dirigerà la Gustav Mahler Jugendorchester in Les offrandes oubliées di Messiaen e nella Sinfonia n. 5 di Čajkovskij. Il pianista statunitense Tzimon Barto sarà inoltre protagonista del Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 del compositore contemporaneo Wolfgang  Rihm, commissione del Salzburg Festival ed eseguito in prima mondiale pochi giorni prima. Martedì 2 settembre torna al Palacongressi la Stresa Festival Orchestra diretta da Gianandrea Noseda: in programma il Concerto in re per archi di Stravinskij e la Sinfonia n. 8 di Beethoven. Un esperimento multimediale riguarderà l’Orpheus di Stravinskij che sarà sottolineato visivamente dal teatro di figura realizzato, a cura di Stefano Monti e Monique Arnaud, dagli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche del Teatro dell’Università IUAV di Venezia e sottolineato da elementi scenici dello scultore Vincenzo Balena. Grande protagonista del concerto di chiusura del Festival, sabato...

TORINO (teatro Regio) e PECHINO

TORINO (teatro Regio) e PECHINO
Firmato uno storico accordo tra il Teatro Regio di Torino e il National Center for Performing Arts di Pechino. L’accordo prevede scambi di conoscenze, workshop, corsi di formazione, stage e, soprattutto, la prima coproduzione italo-cinese di un’opera: Samson et Dalila …ovvero 参孙与达利拉 di Camille Saint-Saëns.  ...

NOLI MUSICA FESTIVAL

Ecco il programma ufficiale dell’edizione 2014 del       ...

ANTONIA AIMINI a STRESA

ANTONIA  AIMINI a STRESA

a Redipuglia il Requiem di Verdi

a Redipuglia  il Requiem di Verdi
Domenica 6 luglio alle ore 21 al Sacrario di Redipuglia  il maestro Riccardo Muti dirigerà un concerto per ricordare le vittime di tutte le guerre alla presenza dei presidenti di Austria, Croazia, Italia e Slovenia. (Inoltre  annuncia per il 30 giugno un omaggio a Claudio Abbado, con la sua Orchestra Mozart).   Il concerto, “Requiem per le vittime di tutte le guerre”, rappresenta l’evento principale della venticinquesima edizione del Ravenna Festival, ieri annunciata al teatro Alighieri del capoluogo romagnolo, e fa parte delle Commemorazioni Nazionali per il Centenario della Grande guerra.  il maestro Muti dirigerà i giovani dell’orchestra Luigi Cherubini, da lui fondata, il coro del Friuli Venezia Giulia, oltre a musicisti e coristi del teatro Verdi di Trieste e di prestigiose compagini internazionali appartenenti a Paesi che presero parte alla Grande Guerra. Al di fuori di quelli della Cherubini, che resterà col suo nome, gli altri musicisti costituiranno la European Spirit of Youth Orchestra. Le voci soliste saranno quelle del soprano Tatiana Serjan, del mezzosoprano Daniela Barcellona, del tenore Saimir Pirgu, del basso Riccardo Zanellato.  Per chi avrà piacere di seguire l’evento, Il Requiem dal Sacrario di Redipuglia verrà trasmesso su Rai 3 il 6 luglio 2014 alle ore 21:00 circa. Un personale caro ricordo con Daniela Barcellona (mezzosoprano nel Requiem di...

Musica in Quota 2014: 14 concerti tra le montagne del VCO dal 14 giugno al 20 settembre

Musica in Quota 2014: 14 concerti tra le montagne del VCO dal 14 giugno al 20 settembre
Ritorna con l’estate Musica in Quota, la rassegna concertistica itinerante tra luoghi di intatta bellezza alpina del Verbano Cusio Ossola, nata da un’idea dell’Assessorato provinciale alla Cultura e alla Montagna, e negli anni affermatasi tra le manifestazioni più seguite del territorio tra ‘laghi e montagne’. “Per assicurare alla manifestazione gambe per proseguire il cammino intrapreso, lo scorso anno abbiamo favorito la costituzione dell’omonima Associazione che si occupa della sua organizzazione. Il sodalizio ha fatto propria la mission di questa iniziativa, fin dall’inizio volta a diffondere la conoscenza di luoghi di autentica bellezza alpina della nostra Provincia tra un pubblico incline ad apprezzare proposte che s’inseriscono nel quadro di un turismo sostenibile: voce fondamentale per le possibilità di sviluppo di una nuova economia montana. L’ascolto di musica live di qualità avviene dopo essersi guadagnati la meta, accompagnati da guide escursionistiche ambientali, e una volta giunti in ‘vetta’ si può godere dell’ospitalità dei rifugisti. Le finalità, oltre a quelle di promozione turistica e di animazione culturale, sono dunque di stimolo a una ‘filiera’ che trae le proprie risorse dal prezioso patrimonio ambientale e paesaggistico del Verbano Cusio Ossola” spiega il Presidente della Provincia Massimo Nobili.   “Anche quest’edizione di Musica in Quota conferma tra i suoi quattordici concerti quello particolarmente partecipato della vigilia di Ferragosto, interamente ripreso e mandato in onda da VCOAzzurraTV. L’appuntamento di giovedì 14 agosto – fa sapere l’Assessore provinciale alla Cultura Claudio Cottini – sarà all’Alpe Devero con l’Ente Musicale di Verbania. Ma non da meno per la capacità di coinvolgimento e suggestione del binomio ‘musica e natura’, motivo dominante della rassegna, sono le altre proposte che si susseguiranno dopo il debutto con la conferenza stampa-concerto all’Alpe Piana Rovei, nel comune di Casale Corte Cerro. Ci saranno infatti occasioni per camminare alla scoperta di scorci montani regalati dai sentieri che portano al Pian d’Arla in ValGrande, a Salecchio e Foppiano in Valle Antigorio, all’Alpe Vercio di Mergozzo, al Mottarone, in Valle Cannobina all’Alpe Pluni, al Lago di Matogno in Valle Isorno, al Piano dei Camosci in Valle Formazza, a Cigogna e al Lago di Onzo. Una serie di itinerari in cui vanno inseriti – novità di quest’anno – uno sconfinamento in Svizzera, domenica 31 agosto alla Binntalhutte, il rifugio in Alta Valle di Binn nel Vallese, dove è in programma un omaggio alla cultura musicale del Brasile con un concerto a base di bossa nova. Sul piano della collaborazione italo-svizzera va anche nominata la giornata di domenica 20 luglio ai Bagni di Craveggia, sul confine tra Valle Vigezzo e Canton Ticino, facilmente raggiungibili dai paesi della Valle Onsernone di Spruga e Comologno. Ad attendere gli escursionisti all’antica stazione termale, oggetto di restauri grazie al progetto Interreg Frontiere di Acqua e Pace, ci sarà un salotto musicale barocco”. Partner di Musica in Quota 2014 sono Il Consiglio Regionale del Piemonte, la Fondazione Banca Popolare di Intra, il Parco Nazionale Valgrande, le Aree Protette dell’Ossola, il Comune di Baceno, Idroelettriche Riunite SpA, Enel Green Power. La manifestazione si avvale della collaborazione della Cooperativa Valgrande, dell’associazione AccompagNatur, del CAI-Sezioni Est Monterosa, dell’associazione musicale Accademia e di AGRAP (l’Associazione dei Gestori dei Rifugi Alpini del Piemonte. Qui di seguito i 14 appuntamenti di Musica in Quota 2014, ricordando che per informazioni e adesioni all’associazione si invita a contattare la mail musicainquota@gmail.com o a seguire – soprattutto per restare aggiornati sul procedere della manifestazione – la pagina www.facebook.com/musicainquota.   Sabato 14 giugno, ore 11.00 ALPE PIANA ROVEI (760 m) in Casale Corte Cerro (VB) “BURLE, BEFFE E DILEGGI PER PRENDERE LA VITA CON IRONIA” ANGELA CENTOLA...